Come riconoscere e trattare i punti neri infiammati

Come riconoscere e curare un punto nero infiammato

Come riconoscere e trattare i punti neri infiammati in

Un punto nero infiammato può essere l’inizio della comparsa di un bel brufolo. Per evitare complicanze di questo genere è bene chiarire innanzitutto come si generano i comedoni e perché: essi nascono a causa di un accumulo di sebo, batteri e cheratina che ostruiscono il follicolo pilifero, chiudendolo e generando in questo caso un punto bianco. Quando il punto bianco si lacera leggermente o spacca, entra in contatto con sostanze esterne e, ossidandosi, assume quel colore scuro che può diventare evidente e fastidioso: il punto nero. Vediamo a questo punto di scoprire i rimedi più efficaci contro i punti neri infiammati.

Punti neri infiammati un sintomo tipico dell’acne giovanile?

Schema illustrativo dei comedoniI punti neri infiammati non sono un inestetismo strettamente legato alle più giovani, anzi, tra le cause più comuni dei comedoni infiammati ci sono alcune cattive abitudini che non risparmiano anche i più âgé. Prima tra tutte la scelta di creme o sieri non adatti al proprio tipo di pelle e contenenti sostanze grasse e oleose che contribuiscono all’occlusione dei pori. Lo stesso discorso vale per il make up. Altra causa che può favorire la comparsa di un punto nero infiammato è la scarsa pulizia del viso, pratica di cui vengono spesso accusate le più giovani. Anche la cattiva alimentazione può riflettersi sulla pelle e in gioventù ci permettiamo qualche sgarro in più. Ultimo ma non meno importante, può esserci il vizio di schiacciare un punto nero in maniera non corretta incentivando l’infiammazione di esso e la comparsa di cicatrici da acne, un problema da cui è difficile tornare indietro.

Come riconoscere un comedone infiammato?

Un punto nero infiammato è facilmente riconoscibile al tatto e alla vista, poiché si presenta dolorante e arrossato. Questi due fenomeni segnano l’inizio dell’infiammazione del follicolo che può diventare purulento e generare un brufolo. Questi inestetismi a volte compaiono nei posti più disparati ed è possibile infiammarli con un semplice graffio non desiderato. Ad esempio, il punto nero infiammato sulla schiena è uno tra gli inestetismi più odiati dagli uomini, che colpisce soprattutto il sesso forte perché più propenso a sudare copiosamente sul dorso.

Quali rimedi esistono per i punti neri infiammati?

Le strip e i cerotti non sono sempre la soluzione migliore per i punti neriTra i rimedi per i punti neri infiammati ci sono le straordinarie proprietà dell’argilla verde. Questo estratto naturale svolge un’azione che non si limita ad astringere i pori; ma purifica la pelle esfoliandola delicatamente. Il risultato è un turnover cellulare che aiuta a ritrovare una pelle più luminosa e omogenea. In caso di pelle mista e grassa, ma anche se non si hanno particolari imperfezioni, l’ideale sarebbe concedersi almeno una volta alla settimana una maschera viso con argilla verde per un effetto detox, che in estate può aiutare ad eliminare sudore e valorizzare l’abbronzatura. In inverno, invece, potrebbe contribuire a rimuovere le particelle di smog che si depositano sullo strato più superficiale della cute, incentivando quella grana cutanea più spenta e grigia.

Ottimo è poi affidarsi a una pulizia viso effettuata dalle mani di un’esperta, almeno una volta al mese e non ai classici cerotti o strisce per punti neri che, dopo un posa di circa 10 minuti, sembrerebbero portare a galla tutti i punti neri presenti. Questi prodotti si attivano con una reazione chimica che può non essere adeguata per tutti i tipi di punti neri e a volte può favorire l’infiammazione. Per chi desidera un risultato eccezionale, la scelta migliore è il peeling dermatologico eseguito in uno studio affidabile,

Come prevenire l’infiammazione dei punti neri

Scegliere un buon detergente per il viso e attuare ogni mattino e sera una corretta pulizia sono gli strumenti più adatti ed efficaci per prevenire correttamente i punti neri infiammati. In caso di dubbi sulla scelta del prodotto affidati a un dermatologo o all’esperienza del tuo farmacista. Importante è stare alla larga dai prodotti per il démaquillage troppo schiumogeni. Si tratta di formulazioni ricche di tensioattivi, sostanze che potrebbero incentivare la produzione di sebo, con conseguente infiammazione dei pori e comparsa di punti comedoni infiammati.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shopping cart

0

Nessun prodotto nel carrello.