Blog thumbnail

È vero che la pelle grassa è più resistente della pelle secca?

Blog thumbnail in

Pelle grassa e pelle secca a confronto: vediamo quali sono le reali differenze e come è possibile prendersi cura in maniera corretta di queste due tipologie di pelle.

Come è fatta la pelle? Da quali strati è composta?

Come è fatta la pelle?

La pelle è l’organo più esteso del corpo umano e rappresenta la nostra prima barriera protettiva nei confronti degli agenti esterni. La cute si divide in tre parti principali: epidermide, derma e ipoderma. Quando invece parliamo di pelle, solitamente ci riferiamo allo strato più superficiale: l’epidermide, anch’essa costituita da 5 sotto- strati:

  • Strato corneo: il più esterno e superficiale, costituito da cheratinociti e dove sono presenti i pori delle ghiandole sudoripare e sebacee e il film idrolipidico, la pellicola protettiva rivestita da acqua e lipidi;
  • Strato lucido: ricco di cellule con eleidina, una proteina ricca di zolfo che conferisce il classico colorito roseo sopratutto al contorno labbra;
  • Strato granuloso: dove comincia l’ispessimento e la cheratinizzazione cutanea;
  • Strato spinoso: dove avviene la produzione di cheratina;
  • Strato basale: il più profondo e a contatto con il derma dove le cellule sono attive e si riproducono.

La composizione della pelle grassa è diversa da quella della pelle secca?

Pelle grassa e pelle secca non presentano una differenza strutturale, ma in seguito a particolari cause o predisposizioni genetiche possono sviluppare inestetismi di diverso tipo. La pelle grassa è meglio conosciuta come seborrea poiché si traduce in un’eccessiva produzione di sebo da parte delle ghiandole sebacee. Quando questo sebo in eccesso si deposita sullo strato superficiale della cute, può incentivare l’occlusione dei pori e l’infiammazione cutanea che porta a un aggravarsi della situazione favorendo la comparsa di punti neri, brufoli e i primi sintomi dell’acne. Al contrario, la pelle secca fatica a trattare la fisiologica idratazione cutanea e per questo può diventare più sensibile e reattiva agli agenti esterni sviluppando reazioni cutanee fastidiose come prurito, desquamazione, rossori.

Avere una pelle grassa o secca dipende solo da fattori genetici?

A contribuire allo sviluppo di pelle grassa o pelle secca può esserci certamente una predisposizione genetica, ma nella maggior parte dei casi le cause di pelle grassa e secca possono ricondursi a cattive abitudini di skincare. In particolare, la pelle impura e la sovrapproduzione di sebo possono comparire in seguito all’applicazione di creme o make up dalle texture troppo ricche e corpose che favoriscono l’occlusione dei pori. Lo stesso può accadere per la pelle secca: applicare una crema troppo leggera può non rispondere completamente alle esigenze dermatologiche della pelle secca e favorire, durante l’arco della giornata, la sensazione di pelle che tira e desquamazione. La pelle secca ha poi risvolti più seri, e può dipendere da alcune patologie croniche come la dermatite atopica o psoriasi oppure può essere conseguenza di qualche manifestazione allergica.

Attenzione anche alla detersione: tra le principali cause di pelle secca e grassa c’è l’utilizzo di detergenti con tensioattivi, cioè sostanze schiumogene che potrebbe essere aggressive sulla pelle, incentivando da una parte l’effetto sebo rebound e una pelle oleosa e dall’altra parte un maggior screpolamento.

La pelle può passare da grassa a secca o viceversa?

Possono esserci particolari condizioni ormonali come gravidanza o menopausa che possono modificare le naturali caratteristiche della pelle, così come particolari terapie farmacologiche possono influire sulla cute. Un esempio in caso di trattamento per l’acne,ì che può avere come effetto collaterale la formazione di pelle secca è la isotretinoina. Esistono poi particolari tipi di pelle come la pelle asfittica o mista, dove la pelle grassa del viso è alternata a zone in cui la pelle è più secca e sensibile. La pelle mista infatti presenta una pelle solitamente più oleosa e grassa nella zona T del viso, mentre i contorni sono più secchi e delicati. Va da sé che il consulto del dermatologo è sempre la soluzione migliore.

La pelle grassa è più resistente all’invecchiamento della pelle secca?

Da sempre si è convinti che la pelle grassa invecchi meno velocemente rispetto alla pelle secca. Un recente studio effettuato dal King’s College di Londra e pubblicato su Journal of Investigative Dermatology spiega come chi ha sofferto di acne da giovane, clinicamente, invecchi più lentamente. Questo non è dovuto però alla produzione eccessiva di sebo, quanto ai telomeri che compongono i globuli bianchi che essendo più lunghi hanno un effetto protettivo durante i processi di replicazione cellulare.

Quali sono i problemi della pelle grassa che la pelle secca non ha?

Entrambi i tipi di pelle hanno gioie e dolori tipici. Quando si tratta di pelle grassa è più difficile individuare una corretta beauty routine, la pelle è infatti poco tollerante e al minimo sgarro si presentano pori occlusi, pelle oleosa e brufoli. Per rispettare questo tipo di cute è sempre consigliato scegliere dei prodotti per pelle grassa che si preoccupino di riequilibrare la cute mantenendo il film idrolipidico intatto. L’ideale è sempre chiedere il consulto di un dermatologo esperto: solo così è possibile trovare la strada più corretta per ridurre i sintomi tipici della pelle grassa del viso. In caso di pelle a tendenza acneica è invece fondamentale il parere dell’esperto, inoltre è importante sapere che la pelle a tendenza acneica può avere caratteristiche recidivanti e riapparire più in là nel tempo (acne tardiva).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shopping cart

0

Nessun prodotto nel carrello.