Acne in gravidanza come attenuarla con una crema con Alusil

Brufoli durante e dopo la gravidanza: da cosa dipendono e dove si formano?

Acne in gravidanza come attenuarla con una crema con Alusil in

La gravidanza è il periodo più emozionante e intenso di una donna, ma il repentino cambio ormonale che caratterizza questa fase della vita femminile può incentivare la ricomparsa di pelle impura accompagnata da brufoli e comedoni. Scopriamo allora quali sono i rimedi per l’acne in gravidanza e come intervenire per il bene di mamma e figli.

Perché durante e dopo la gravidanza le donne soffrono di acne e brufoli?

L’acne in gravidanza è un sintomo comune a molte donne. Questo particolare momento della vita di una donna è caratterizzato da cambiamenti ormonali che possono interferire anche con la salute della pelle. L’acne in gravidanza si manifesta solitamente nei primi tre mesi, quando i livelli di progesterone aumentano favorendo la produzione di sebo e una pelle visibilmente più lucida e grassa. Molti esperti la definiscono proprio acne gravidica perché può colpire anche quei soggetti che non hanno mai sofferto di acne in adolescenza.

Quali sono i punti in cui si formano più di frequente i brufoli pre- e post-parto?

L’acne in gravidanza a volte può manifestarsi in maniera severa, sviluppandosi in diverse zone del corpo. Durante le prime settimane gravidanza, i brufoli cominciano a comparire sul volto, ma poi si moltiplicano coinvolgendo anche altre parti del corpo come mento, collo, torace, pancia e schiena. I brufoli dopo il concepimento interessano invece la classica zona del viso. In questo caso specifico infatti possono essere causati dallo stress subito dal parto, mentre la situazione ormonale cerca di ritrovare il suo fisiologico equilibrio.

Quando scompaiono i brufoli della gravidanza?

In generale l’acne in gravidanza interessa i primi tre mesi in maniera evidente e successivamente comincia ad attenuarsi. Molte donne riscontrano come i brufoli dopo il parto comincino a rientrare, mentre la cute ritrova la sua opacità naturale. Al contrario, per chi soffre di pelle mista e impura, i brufoli durante l’allattamento e anche dopo possono tornare a tormentare la pelle di viso e corpo.

Con quali prodotti curare viso, pancione e altre zone sensibili affette da brufoli?

Il trattamento dell’acne in gravidanza deve essere concordato con il proprio il dermatologo e la supervisione del ginecologo. Solitamente si preferiscono rimedi ad uso topico, poco invasivi per il feto e la sua salute. L’ideale è scegliere una crema dall’azione seboequilibrante, opacizzante e normalizzante da poter applicare su tutte quelle zone in cui i brufoli si manifestano durante la gravidanza. Le formulazioni con Alusil che trovi in farmacia sono un’ottima soluzione per ridurre e prevenire l’acne in gravidanza. Il complesso Alusil, insieme ad attivi specifici, contribuisce a regolarizzare l’attività della ghiandola sebacea, coadiuvare la fisiologica risoluzione del processo infiammatorio, contenere l’eccessiva crescita microbica e attenuare gli arrossamenti e ridurre gli inestetismi cutanei dovuti ai residui cicatriziali. A una buona crema puoi associare anche un detergente dall’azione delicata e povero di tensioattivi, magari sempre con Alusil per garantire una soluzione più immediata agli inestetismi della pelle impura. Il consiglio spassionato è sempre richiedere il consulto degli esperti soprattutto per questa delicata e bellissima fase della vita di una donna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shopping cart

0

Nessun prodotto nel carrello.